Meccanica, Lorenzin su materie prime: “Costo della lamiera alle stelle, il problema non sono i salari”

“La meccanica è l'unico settore che sembra trainare l'economia in questo drammatico momento e, nonostante le difficoltà, c'è chi specula sulla materia prima” tuona Flavio Lorenzin presidente di Confimi Meccanica e continua “il prezzo della lamiera negli ultimi tre mesi è aumentato di oltre il 50%”.

Un vero e proprio danno per un settore che nonostante le avversità degli ultimi 12 mesi ha chiuso il 2020 con leggero segno più a testimonianza del riconosciuto valore attribuito in tutto il mondo a questo comparto del manifatturiero.

Ma c'è di più spiega Lorenzin “Quattro anni fa, per tutelare i produttori nostrani di lamiera, l'Ue ha imposto pesanti dazi agli esportatori asiatici, Cina e India i più colpiti” ricorda il numero uno di Confimi Meccanica e continua “in questi anni il mercato si era assestato e i produttori soddisfacevano appieno le esigenze dell’industria ma questa fuga in avanti è del tutto ingiustificata per non dire intempestiva”.

Una denuncia, quella di Confimi Meccanica, che Lorenzin spera raggiunga anche la politica. “Per anni abbiamo visto difendere siti produttivi assunti a bandiere del belpaese nonostante le evidenti difficoltà economiche, sentiamo parlare della categoria solo in occasioni di scioperi o dei rinnovi di contratti di categoria per i quali si spendono parole e buone intenzioni sugli aumenti dei salari, ma sui costi impazziti e incontrollati che gravano sulle materie prime non interviene mai nessuno”.

© Confimi Meccanica. All rights reserved.

Save
Cookies user prefences
We use cookies to ensure you to get the best experience on our website. If you decline the use of cookies, this website may not function as expected.
Accept all
Decline all
Analytics
Tools used to analyze the data to measure the effectiveness of a website and to understand how it works.
Google Analytics
Accept
Decline